1. Diese Seite verwendet Cookies. Wenn du dich weiterhin auf dieser Seite aufhältst, akzeptierst du unseren Einsatz von Cookies. Weitere Informationen

Info Stoner dice no a offerta record: 11 milioni di euro

Dieses Thema im Forum "Moto GP" wurde erstellt von mariomoskau, 3. November 2012.

  1. mariomoskau
    Offline

    mariomoskau Elite Lord Supporter

    Registriert:
    26. Januar 2010
    Beiträge:
    5.135
    Zustimmungen:
    4.516
    Punkte für Erfolge:
    113
    Stoner dice no a offerta record: 11 milioni di euro

    Dalla Honda era pronto un contratto migliore di quello per Button in F1

    [​IMG]

    SAITAMA – La Honda era pronta a offrire 11 milioni di euro a Casey Stoner se avesse deciso di proseguire un altro anno in MotoGp. E' quanto riporta il quotidiano australiano Herald Sunm secondo cui il pilota, che si ritirerà a fine stagione, ha rinucniato all'offerta più alta mai fatta dalla Honda Racing per uno sportivo. «Se avesse accettato sarebbe stato il pilota più pagato di sempre dalla Honda, una cifra del genere non l'abbiamo garantita neanche a Button in Formula Uno, prima che cedessimo la scuderia» ha detto Shuhei Nakamoto, vice presidente esecutivo di Honda Racing Corporation. «Quando ho portato la proposta al consiglio per l'approvazione mi hanno preso per pazzo, ma per me era fondamentale tenere Casey per un altro anno».

    L'AUSTRALIANO PIU' PAGATO DI SEMPRE – L'offerta avrebbe potuto far diventare Stoner l'atleta australiano più pagato di sempre, superando anche il golfista Greg Norma. E soprattutto avrebbe potuto mettere Casy un gradino sopra Valentino Rossi anche nello stipendio. Ma a stoppare tutto ci ha pensato lo stesso Stoner. «Ho lavorato duro per ottenere il contratto, poi però Casey mi ha detto che aveva perso le motivazioni e non sarebbe stata questione di soldi» ha aggiunto Nakamoto. «Casey è un uomo molto più forte di me – ha detto il padre del pilota – io non avrei saputo dire di no a quella cifra. Ma per lui conta la passione per le moto, non la ricchezza o la fama».
    cds
     
    #1

Diese Seite empfehlen